PD

Il portale del Partito Democratico
della cittÓ di Parma

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  Organismi dirigenti  |  Circoli  |  Eletti del PD  |  Link  |  Contatti  |  Trasparenza  |
Feed RSS 
  venerdi 21 gennaio 2022 Partito Democratico Parma
| Elezioni politiche 2018 | Parlamentari PD di Parma | PD Comune di Parma | Regione Emilia-Romagna |
Teatro Regio. Dall'Olio e Vescovi (PD): "Il Comune non ha ancora definito una chiara strategia"

17 settembre 2012

Pubblicato in: Gruppo PD Comune PR

 Quando si parla di rinnovamento del Teatro Regio il riferimento ad una "strada" imboccata, ad un percorso da compiere richiama, inevitabilmente, il nodo del tempo e dei tempi di soluzione dei problemi connessi al Regio stesso. Purtroppo la realtà del Teatro è che non è stata finora individuata una  strategia definitivamente risolutiva, capace di sbloccare effettivamente la situazione (dei lavoratori, delle produzioni artistiche, della restituzione di credibilità all'ente) nonostante l'imminenza di scadenze cruciali (Verdi Festival, Bicentenario verdiano). Ma più ancora di questi importantissimi e nodali appuntamenti, all'amministratore sta a cuore, così come a tutta la cittadinanza, il futuro del teatro, inteso come organo del corpo-città. È il "nuovo" Regio, come motore e volano vero di cultura (anche intesa come cultura dell'etica, della trasparenza nel governo dei beni  pubblici, come sono appunto la cultura artistico-musicale che appartiene in primis alla collettività cittadina, nazionale, internazionale) che va salvato e salvaguardato. È il Regio come fonte e luogo di lavoro, capace di sostenere il proprio indotto che va fatto (ri)splendere di nuova luce. Cosa si chiede al Sindaco come presidente della Fondazione Regio e all'Assessore alla cultura del Comune? È pleonastico, ma non del tutto superfluo, ribadire che primo obiettivo per giungere efficacemente all'azzeramento del  sistema di gestione artistico-amministrativa"coordinato"dall'ex Sovrintendente- è  quello di cercare di/trovare tutte le convergenze e le sinergie possibili fra le forze "sane" della città e del territorio provinciale che vogliano concorrere, trasparentemente, a rilanciare, in qualità di soci, la Fondazione. Per far ciò è essenziale che sindaco e assessore parlino subito a tutta la città, illustrino il proprio progetto per il Teatro e per la vita artistico-culturale su di esso innervata. Le recenti vicende legate alla fuoriuscita dei soci della Fondazione ha aperto una falla preoccupante non solo nella struttura amministrativa (CdA) della Fondazione in quanto ente, ma anche nel legame che corre fra questi stessi soggetti e la città e che li fa vedere, ora, come partners maggiormente motivati nei confronti del mantenimento dello status quo (sistema-Meli, per intenderci) che interessati al futuro del Teatro (bene pubblico). È evidente che il tempo è scaduto per questo. La città e il Consiglio attendono di conoscere dai soci uscenti le motivazioni delle proprie decisioni individuali; dal sindaco come e con chi pensa di sostituirli Resta quindi il nodo cruciale della nomina delle figure di vertice del Teatro. Le contingenze e le scadenze imminenti farebbero ragionevolmente pensare alla legittimità di un atto d'ufficio, di una precisa assunzione di responsabilità e di autorità da parte del sindaco che porti alla nomina di una"Direzione" cui affidare le sorti del Teatro e dei prossimi appuntamenti.Alcune personalità del mondo artistico-musicale della città e non solo si sono espresse senza reticenza, mettendo a disposizione del sindaco e della città la propria indiscussa ed indiscutibile competenza professionale e di settore, frutto di importanti e unanimemente apprezzate ed applaudite esperienze di studio e di lavoro, hanno redatto progetti ad hoc, indicato traiettorie, formulato ipotesi, suggerito soluzioni, messo a disposizione opinioni e idee per fare uscire la situazione dall'impasse in cui langue. Il sindaco ha probabilmente vagliato le diverse opzioni: ora è il momento, lo ripetiamo, di parlare apertamente alla città e, quindi, di agire,operando scelte chiare 

Maurizio Vescovi  Nicola Dall'Olio Consiglieri PD Consiglio comunale di Parma


TAGS:
gruppo pd comune di parma | 

Bookmark and Share





Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna



Agenda Appuntamenti
« Gennaio 2022 »
DoLu MaMe GiVe Sa
      1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31


Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il pulsante per procedere con l'iscrizione
Ricerca nel sito
»

elezioni europee 2014 primarie 2012 gruppo feste 2013 parlamentari feste regione emilia-romagna citt? citt├á cittÓ salsomaggiore terme elezioni regionali 2014 elezioni gruppo pd comune di parma primarie parlamentari pd di parma congresso pd parlamentari pd parma congresso 2013
 Partito Democratico Unione Prov.le di Parma - Via Treves, 2 - 43122 Parma - Tel. 0521.709411 - Fax. 0521.709488  - Privacy Policy

Il sito web di PD Parma non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto