PD

Il portale del Partito Democratico
della cittÓ di Parma

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  Organismi dirigenti  |  Circoli  |  Eletti del PD  |  Link  |  Contatti  |  Trasparenza  |
Feed RSS 
  lunedi 6 dicembre 2021 Partito Democratico Parma
| Elezioni politiche 2018 | Parlamentari PD di Parma | PD Comune di Parma | Regione Emilia-Romagna |
Bizzi (PD). Lettera dal Consiglio 13.

8 ottobre 2013

Pubblicato in: Gruppo PD Comune PR

Ciao, vi ricordate di me?
Riprendiamo un filo, per troppo tempo interrotto. E' stato un periodo di scelte e passaggi familiari e personali e le nostre Lettere dal Consiglio ne hanno fatto le spese. Ora spero di avere la sufficiente (precaria) stabilità per mantenere gli impegni. Fortunatamente il collega Alessandro Volta ha scritto dei suoi resoconti (la forza del gruppo!). Chi non li avesse ricevuti li trova su allevolta.net.
Veniamo alla Tares, unico tema del Consiglio di ieri. Due le delibere: una sul regolamento di applicazione, l'altra sul piano finanziario.

Riassumendo...
Il decreto Salva Italia del governo Monti ha introdotto la Tares (Tassa rifiuti e servizi) che sostituisce la Tia (Tariffa di igiene ambientale). E' in vigore dal 1° gennaio 2013, la sua applicazione è stata rimandata dal governo a luglio, il Comune di Parma arriva in extremis (entro il 30 novembre bisogna pagare).
Quali sono le principali differenze? La Tares copre anche i servizi indivisibili (illuminazione, manutenzione del verde, ecc); la Tares è una tassa e quindi l'Iva non è recuperabile per le imprese (ci guadagna lo Stato); la Tares viene riscossa direttamente dal Comune (e non più da chi gestisce la raccolta rifiuti) che poi la verserà a Iren (35 milioni previsti) senza trattenere nulla. Inoltre il Comune se ne assume tutti i rischi legati ai mancati pagamenti e alle loro riscossioni. Sarà incaricata per questi aspetti la partecipata Parma Gestione Entrate e il pagamento, essendo una tassa, dovrà avvenire con F24 e non più con domiciliazione bancaria.

Pagamenti e problemi
In base a queste novità, secondo il piano finanziario presentato dall'Amministrazione l'aumento medio sarà del 7% per le famiglie e del 14% per le imprese. Nel regolamento sono previste una serie di esenzioni e sgravi, nati anche dopo il confronto in particolare con le associazioni di commercianti che l'Amministrazione non aveva sentito per tempo, vedendosi costretta a ritirare la delibera già in programma nello scorso consiglio e a fare due commissioni sullo stesso tema.
Uno degli aspetti che ha fatto più discutere è il trattamento di maggior favore per le realtà associative iscritte all'albo delle associazioni del Comune appena varato. Qui il problema, più che per questo caso specifico, è per l'introduzione di un albo che va a ritagliare un ulteriore sottoinsieme di associazioni in rapporto con il Comune quando, in un principio di sussidiarietà e semplificazione, sarebbe stata sufficiente la loro iscrizione negli albi regionali e provinciali.
Altro tema sensibile la percentuale da assegnare al fondo rischi degli insoluti. L'Anci consiglia il 7,5%, il Comune ha stimato il 4,8%. E se non è sufficiente, chi paga? Si fa una variazione di bilancio prendendoli da altri capitoli? O si ricaricheranno le tariffe del 2014? Su questo non abbiamo avuto una risposta chiara.

Rischi, differenziata e differenze
Ma perché l'Amministrazione si è assunta questo maggiore rischio? Per fare tornare i conti. Infatti il nuovo sistema di raccolta che entro la primavera 2014 dovrebbe coprire tutti i quartieri, è più costoso. E questo nonostante il Conai (Consorzio nazionale imballaggi) paghi molto meglio i rifiuti differenziati con il nuovo sistema. Il contenuto dei bidoncini gialli (plastica, vetro, alluminio) era pagato 20 euro a tonnellata. Il contenuto dei nuovi sacchetti gialli (plastica e alluminio) invece è valutato 108 euro e il vetro nelle campane 30 euro. Tuttavia il saldo è negativo è di circa un milione e 200mila euro (compresa l'attivazione del sistema). Cosa che ci può stare tutta di fronte ai vantaggi ambientali (e quindi economici in un'otica di bilancio sociale), ma avremmo gradito che fosse dichiarato con trasparenza dall'Amministrazione, invece che essere mascherato dietro la riduzione non motivata del fondo rischi che risulta parecchio... a rischio.

Il dibattito
Per il nostro gruppo hanno fatto ottimi interventi Dall'Olio (critiche all'inadeguata formazione dei cittadini e invito alla costante verifica con conseguente flessibilità sui sistemi di raccolta nelle diverse zone della città), Iotti (evidenza della mancanza di ogni discorso sulla riduzione a monte dei rifiuti), Volta (sollecitazione a elaborare strategie di maggior respiro e a investire sull'innovazione). Da segnalare, su altro tema, la comunicazione di Vescovi sulla mancanza di una copertura nel settore disabili del Tardini che penso abbia provocato accelerazione nel porvi rimedio.
Sulle due delibere ci siamo astenuti. Insieme a noi anche Savani dei 5 stelle, ormai da più consigli in evidente dissenso sia nel voto che negli interventi.
In prospettiva sono da evidenziare la tariffazione puntuale sulla produzione rifiuti che l'Amministrazione vorrebbe fare partire dal 2014 e l'introduzione il prossimo anno della Service tax che comprenderebbe anche l'Imu e che richiederebbe una revisione di tutto quanto approvato ieri. Ne riparleremo. Davvero, eh :-)

Giuseppe Bizzi




TAGS:
gruppo pd comune di parma | 

Bookmark and Share



SCRIVI UN COMMENTO [* campi obbligatori]
Nome *
Email
Titolo *
Messaggio *
Codice *
Scrivi il codice visualizzato in rosso



Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna



Agenda Appuntamenti
« Dicembre 2021 »
DoLu MaMe GiVe Sa
   1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il pulsante per procedere con l'iscrizione
Ricerca nel sito
»

gruppo pd comune di parma parlamentari pd parma regione emilia-romagna elezioni salsomaggiore terme feste parlamentari pd di parma congresso 2013 parlamentari citt? pd primarie 2012 feste 2013 elezioni regionali 2014 gruppo congresso cittÓ elezioni europee 2014 citt├á primarie
 Partito Democratico Unione Prov.le di Parma - Via Treves, 2 - 43122 Parma - Tel. 0521.709411 - Fax. 0521.709488  - Privacy Policy

Il sito web di PD Parma non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto