PD

Il portale del Partito Democratico
della cittÓ di Parma

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  Organismi dirigenti  |  Circoli  |  Eletti del PD  |  Link  |  Contatti  |  Trasparenza  |
Feed RSS 
  martedi 23 luglio 2019 Partito Democratico Parma
| Elezioni politiche 2018 | Parlamentari PD di Parma | PD Comune di Parma | Regione Emilia-Romagna |
Docenti senza stipendio, i parlamentari Pagliari, Maestri e Romanini (Pd) interrogano il governo

4 novembre 2015

Pubblicato in: Articoli PD Parma

Docenti precari, ma anche neoassunti a tempo indeterminato o semplicemente insegnanti trasferiti ad una altra scuola, sono tanti i maestri e professori che, da inizio anno, non hanno ancora ricevuto il salario dovuto per le attività di docenza regolarmente svolte. Due mesi senza stipendio per docenti operanti in scuole di diverso ordine e grado nei quali gli stessi hanno dovuto fare i conti con le difficoltà e i disagi legati ad una situazione tanto paradossale. Un vero e proprio “caso” portato in parlamento con una interrogazione presentata al Senato da Giorgio Pagliari e alla Camera dei Deputati da Patrizia Maestri e Giuseppe Romanini. Un atto con il quale i parlamentari Pd hanno voluto evidenziare la paradossalità della situazione, a dire il vero già verificatasi negli anni precedenti, e sollecitare il Ministero ad un celere intervento.

“Il pagamento dei salari è a carico del Ministero dell'Economia e delle Finanze sulla base dei dati ricevuti dal Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca – ricordano i parlamentari del Partito Democratico – E contrariamente al passato ai singoli istituti scolastici compete soltanto il compito di trasmettere correttamente al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca i dati relativi ai docenti impiegati in modo da permettere allo stesso Ministero di inoltrarli al Ministero dell'Economia e delle Finanze tenuto ad erogare i pagamenti dovuti. Se è vero che alcune scuole hanno compiuto questo atto formale in ritardo, è però vero che la stragrande maggioranza ha provveduto nel pieno rispetto dei termini all'inoltro, ma gli stipendi non sono stati comunque pagati. In altri casi, poi l'inoltro non è stato possibile a causa di un cattivo funzionamento del portale Sidi del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, in particolare nell'inserimento dei dati di quei supplenti per i quali non vi era una data certa di fine supplenza. In questo modo è stata impedita la comunicazione dei dati. Ma i pagamenti, anche nel caso di invii corretti, non sono stati ancora effettuati”.

Un problema, sottolineano Pagliari, Maestri e Romanini, più volte sollevato dalle organizzazioni sindacali, che hanno anche chiesto un incontro sul tema al Minsitero, ma non ancora risolto. Per questo i parlamentari Pd chiedono in tempi celeri “il pagamento delle somme dovute e misure atte a garantire la rapida risoluzione dei gravi problemi fatti registrare dal portale Sidi, allo scopo di garantire il corretto inserimento dei dati per tutti i docenti”.



TAGS:
parlamentari pd parma | 

Bookmark and Share





Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna



Agenda Appuntamenti
« Luglio 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31


Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il pulsante per procedere con l'iscrizione
Ricerca nel sito
»

cittÓ parlamentari pd di parma primarie 2012 citt? citt├á parlamentari pd parma salsomaggiore terme elezioni europee 2014 feste congresso feste 2013 parlamentari elezioni regione emilia-romagna congresso 2013 primarie elezioni regionali 2014 pd gruppo gruppo pd comune di parma
 Partito Democratico Unione Prov.le di Parma - Via Treves, 2 - 43122 Parma - Tel. 0521.709411 - Fax. 0521.709488  - Privacy Policy

Il sito web di PD Parma non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto