PD

Il portale del Partito Democratico
della cittÓ di Parma

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  Organismi dirigenti  |  Circoli  |  Eletti del PD  |  Giovani Democratici  |  Conferenza delle Donne  |  Link  |  Contatti  |
Feed RSS 
  martedi 14 agosto 2018 Partito Democratico Parma
| Elezioni politiche 2018 | Parlamentari PD di Parma | PD Comune di Parma | Regione Emilia-Romagna |
COCAINA, OVERCONSUMI di Maurizio Vescovi

23 marzo 2018

Pubblicato in: Articoli PD Parma

COCAINA , OVERCONSUMI

di Maurizio Vescovi

Continuare a parlare di droghe, di uso e abuso di sostanze stupefacenti – in particolare cocaina – non è mai fuori luogo e fuori tempo.Soprattutto quando-è subito evidente-il fenomeno si allarga e prende anche giovanissimi adolescenti.

Soprattutto non è mai pleonastico ricordare  che la questione “droga” non è - e non è mai stata e non è soltanto – una questione di ordine pubblico. Quindi, non è primariamente un fatto che riguarda e che interessa solo le forze dell'Ordine.

Sicuramente l’aspetto dello spaccio e del  contrasto agli spacciatori compete agli uomini dell’Arma e della Polizia. Sono loro in prima linea, è evidente. Ma quello che dobbiamo avere tutti ben chiaro in testa e davanti agli occhi è che se ci sono tanti spacciatori - spessissimo identificati tout court con gli stranieri, specie dopo i recenti, tragici fatti di cronaca – è comunque un dato connesso all’enorme domanda di droghe che viene dalle nostre città. Anche dalla nostra città. Questa è una premessa indispensabile per ragionare di droghe, in termini di mercato, di domanda e di offerta. Bene hanno fatto i Carabinieri(Repubblica.it PARMA 18/03/2018) -loro, tutori dell'ordine - a rammentare alla nostra Comunità che il problema grande è costituito dalla grande domanda.Lo hanno detto esplicitamente ieri l'altro-in occasione di una operazione anti-droga che li ha visti impegnati- richiamando ciascuno e tutti ad una rinnovata assunzione di responsabilità. Lo aveva detto in modo altrettanto esplicito - mesi fa - anche il questore Pier Riccardo Piovesana, in occasione della festa del Patrono della Polizia. Parole lucide che non lasciano spazi a fraintendimenti. Sono proprio i Tutori dell'ordine a ricordarci che ci sono tanti spacciatori per strada perché c'è tanta domanda. Sono proprio i Tutori dell'ordine a lanciarci un severo monito e cioè che" Siamo di fronte a un fenomeno che non può essere affrontato solo da un punto di vista di ordine pubblico,ma è un problema sociale e sanitario”. L'ovvietà dell'affermazione non si disgiunge dalla importanza del rilievo e acquista il sapore amaro del richiamo.Severo e giusto.La questione è la sicurezza sociale e le Forze dell'Ordine non possono-da sole-fermare il volano di crescita mercantile delle droghe.Con le pesanti ricadute sul tessuto sociale e nella vita quotidiana.

È la domanda a fare la differenza, ad indirizzare quali-quantitativamente lo spaccio delle sostanze, a determinare la “fortuna” – pensiamo ai tempi bui e non certo tramontati del consumo di eroina fra i giovani tossici, appartenenti spesso alle fasce sociali meno abbienti. Tempi – erano gli anni ’70 e ’80 del secolo scorso – che hanno visto finire per overdose, nei luoghi tetri del degrado urbano,in anfratti sociali abbandonati, tante giovani vite. Storie non certo archiviate, drammi umani – individuali e familiari – non certo scongiurati e che non possono essere derubricati ad asettici fatti di cronaca.. Di overdose di eroina, purtroppo, si continua a morire anche oggi.

Ma la domanda di sostanze è comunque mutata. Il quadro si è ulteriormente scomposto, e ad orientare il mercato è oggi la domanda di cocaina e non solo.Si è fatto strada il poliabuso,l'alcool lo trovi dappertutto.La richiesta di sostanze  , per essere soddisfatta, non si rivolge unicamente agli spacciatori di strada, che escono allo scoperto e si mostrano beffardamente – riconoscibili ed etichettabili a vista – nei luoghi dello scambio, della cessione di sostanze in cambio di euro. La loro presenza è un marker di mercato florido e di drug economy effervescente, indubbiamente, ma gli spacciatori di strada non hanno l’esclusiva. In un’età tecnologizzata, dove il web pervade ed invade la rete commerciale, anche le sostanze, l’incontro fra domanda e offerta di droghe viaggia in internet e tante smart drug vengono acquistate così. Un mercato fuori controllo, dunque.

Anche a Parma, dove l’uso di sostanze stupefacenti – cocaina, ma non solo – è molto diffuso. Non fermiamoci, allora, al problema degli spacciatori. La loro presenza è  un epifenomeno. Chi si ferma a guardare il problema focalizzandosi soltanto sugli spacciatori è come il medico che non riesce a far diagnosi perché gli sfugge l'etiopatogenesi della malattia. A sostenere il mercato c'è la domanda, sia chiaro, ed è questa che fa girare denaro. Non dimentichiamocene mai.La facilità dell'acquisto(con la rete capillare degli spacciatori)favorisce l'incontro con le droghe.

Quindi, è il ganglio dell’assunzione, dei consumi - a volte saltuari e “autocontrollati”(????) - così come le dipendenze vere e proprie, seguite dai servizi territoriali, che deve essere posto costantemente sotto la lente di ingrandimento e stabilmente monitorato.

Tuttavia, ogni generalizzazione, qualunque tentativo di individuare “regolarità “entro un fenomeno multiforme, tentacolare e complesso come quello dell’uso/abuso di sostanze è, alla fine, fuorviante. Con buona certezza si può constatare che l’uso abituale di cocaina da un pezzo non è più un fenomeno di élite come in passato, mentre è purtroppo ormai sufficientemente assodato che il primo incontro con la coca avviene in età sempre più precoce, anche a partire dai 14 anni.

E, quindi, proprio pensando ai più giovani, ai bambini(che vedono i luoghi dello spaccio e dello smercio e si"abituano"a vederli..sic!!!) e agli adolescenti di oggi che emerge con forza il dovere di non abbassare la guardia rispetto al fenomeno-droghe. È doverosa una collegiale e trasversale assunzione di responsabilità, da parte degli adulti e delle figure primarie di riferimento, rispetto alla corretta informazione dei ragazzi circa il fenomeno-droghe. Ma è soprattutto indispensabile che i più giovani “sentano” su di sé l’attenzione e il sostegno degli adulti. Un’attenzione non giudicante ed un sostegno fermo, uno sguardo che li accompagna e una mano che si tende verso di loro, che li aiuta a riconoscersi come individui,a proiettarsi nel futuro e come membri di una comunità.Solo così potremo restituire una prospettiva di speranza.Solo così riacquisteremo credibilità ai loro occhi. Questo, probabilmente, sarebbe un sufficiente antidoto alla voglia di sballare.



TAGS:
cittÓ | 

Bookmark and Share



SCRIVI UN COMMENTO [* campi obbligatori]
Nome *
Email
Titolo *
Messaggio *
Codice *
Scrivi il codice visualizzato in rosso



Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna



Agenda Appuntamenti
« Agosto 2018 »
DoLu MaMe GiVe Sa
   1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il pulsante per procedere con l'iscrizione
Ricerca nel sito
»

pd citt├á salsomaggiore terme parlamentari pd di parma feste cittÓ elezioni elezioni politiche 2013 congresso 2013 parlamentari pd parma primarie gruppo pd comune di parma parlamentari elezioni regionali 2014 feste 2013 congresso elezioni europee 2014 regione emilia-romagna primarie 2012 gruppo
 Partito Democratico Unione Prov.le di Parma - Via Treves, 2 - 43122 Parma - Tel. 0521.709411 - Fax. 0521.709488  - Privacy Policy

Il sito web di PD Parma non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto