PD

Il portale del Partito Democratico
della cittÓ di Parma

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  Organismi dirigenti  |  Circoli  |  Eletti del PD  |  Link  |  Contatti  |  Trasparenza  |
Feed RSS 
  venerdi 24 maggio 2019 Partito Democratico Parma
| Elezioni politiche 2018 | Parlamentari PD di Parma | PD Comune di Parma | Regione Emilia-Romagna |
Resoconto Consiglio comunale dell'11 febbraio 2019

21 febbraio 2019

Pubblicato in: Gruppo PD Comune PR

Le nostre interrogazioni

Campanini e Jacopozzi sulla promozione di incontri formativi-informativi per genitori nelle scuole. Con questa interrogazione abbiamo voluto aprire un piccolo dibattito in Consiglio sulla necessità di promuovere (senza intaccare l‘autonomia dei singoli istituti o complicare loro la vita) incontri informativi e formativi con i genitori, nella convinzione che su certi fenomeni non bastino le pur indispensabili iniziative educative verso i ragazzi e le ragazze, ma occorra maggiore consapevolezza e conoscenza negli adulti, perché molto si gioca nella vita in famiglia. Parliamo di violenza, rapporto uomini-donne, bullismo, dipendenze (sostanze, alcol, gioco…), uso dei social e della tecnologia… Vanno bene gli incontri “cittadini” promossi da associazioni e dallo stesso Comune, ma spesso a questo tipo di iniziative partecipano genitori già sensibili… Mentre la sfida è incontrare, tramite le scuole, quelli che di solito non partecipano al “grande evento”…L’assessora Seletti ci ha elencato le tante iniziative portate avanti (rivolte soprattutto ai ragazzi/e) e ha dato una disponibilità a considerare le nostre osservazioni per la nuova programmazione che verrà fatta a giugno. Speriamo che si riesca a fare dei passi ulteriori nella direzione che abbiamo auspicato (ci lavoreremo!).

Jacopozzi sulla precaria e difficoltosa situazione di lavoro degli OSS (operatori socio sanitari) di AD Personam con particolare riferimento a “Le Tamerici”, CRA molto inadeguata per le condizioni strutturali, il numero e la tipologia di anziani. Abbiamo anche chiesto se ci sia la volontà di progettare e prevenire le numerose emergenze che in futuro la città presenterà in ordine all’aumento popolazione anziana (secondo le previsioni il 30%degli anziani nel 2030 avrà disturbi cognitivi).

La risposta dell’Assessora è stata che: alcuni OSS si lamentano perché ci sono stati dei cambiamenti di gestione turni (condivisi tra loro ) non accettati da tutti; che il personale supera il minimo previsto dell’8% e che in realtà molti operatori sono ”inabili“ al servizio, rendendo molto difficile la gestione del personale; che le Tamerici sono vecchie e sta iniziando la progettazione per il nuovo edificio (nulla di visibile ancora, doveva essere pronto tra un anno secondo le previsioni del comune). Nessuna progettazione per il futuro perché non ci sono soldi a sufficienza. Gli anziani in lista di attesa sono più di 300 ma nell’anno ne ruotano circa 280.

Demoralizzante la risposta politica di rassegnazione… il settore sociale sembra rimanere fermo e senza innovazione e ripensamento profondo: ci sono in realtà tanti problemi strutturali che il Comune potrebbe coordinare insieme ad Ausl e Ad Personam e riguardano in primis proprio il difficile accompagnamento degli anziani con gravissimi disturbi cognitivi.

Campanini su criticità nel tratto nord di Strada Marconi (zona est della città): mancanza di illuminazione, pulizia solo periodica, mezzi contromano, mancanza di marciapiedi, zona verde abbandonata piena di sterpaglie… Risposta: difficoltà ad affrontare il tema marciapiedi (per i costi) e area verde (in quanto privata); la pulizia è una volta al mese, l’illuminazione migliorerà e alcuni controlli sulle infrazioni del senso unico sono state fatte. Abbiamo chiesto che almeno, per l’immediato, si facciano più frequenti passaggi delle spazzatrici e si migliori l’illuminazione; sul resto, che non si rinunci a fare tutto il possibile.

Le nostre comunicazioni

Campanini sulla situazione della città in occasione delle partite del Parma: siamo orgogliosi di avere una squadra in serie A e contenti della passione con cui è seguita dai concittadini, ma ogni volta che c’è una partita si pongono problemi per interi quartieri e per la stessa città. Non si tratta di fare proposte affrettate ma di aprire un dialogo con tutti – città, appassionati, società Parma calcio, enti pubblici ecc. – per capire se possiamo pensare, per il futuro, a soluzioni diverse da quella attuale. Ha risposto il vicesindaco Bosi: la delocalizzazione è esclusa, l’unica cosa che si può fare è rendere lo stadio una struttura utile per i residenti, compensando così il disagio delle giornate in cui c’è la partita. Tema complesso e difficile, certamente non “ideologico” e aperto a tante sensibilità; sarebbe interessante capire se la posizione espressa dall’amministrazione è quella della città nel suo insieme.

Delibere

Modifica composizione Commissioni consiliari

Con le dimissioni di Paolo Scarpa (che presiedeva la commissione 7 “Garanzia e controllo sulle società partecipate”, affidata alla minoranza) e l’ingresso di Caterina Bonetti, risultava necessario riformulare le presenze, soprattutto del nostro gruppo, nelle varie Commissioni. Sono stati quindi  approvate, all’unanimità, queste modifiche:

Lavagetto lascia le commissioni 1 (urbanistica ed edilizia) e 4 (patrimonio e bilancio) e va alla 7 (garanzia e controllo), che dovrà eleggere il nuovo presidente; Campanini lascia la 7 e va alla 1, rimanendo anche nella 6 (Lavori pubblici, ambiente, mobilità); Bonetti va alle commissioni 3 (personale e organizzazione) e 4 (patrimonio e bilancio); Jacopozzi non cambia e resta nella 2 (cultura, scuola, giovani, sport) e nella 5 (sociale, sanità sicurezza). Questa ridefinizione ha necessariamente coinvolto anche i colleghi di Parma Protagonista e Parma Unita, con i quali si è trovata un’intesa senza alcun problema.

Aggiornamento del DUP (Documento Unico di Programmazione)

E’ stata presentata come un fatto tecnico, ma in realtà la delibera prevedeva, oltre ad alcuni aggiornamenti di interventi previsti, l’inserimento (per effetto di una norma nazionale di fine 2018) di una scheda con l’indicazione di interventi “in sospeso” o diversamente programmati. Su questo c’è stata discussione, perché due di questi interventi riguardano la risistemazione dell’area interna alla Cittadella (500.000 euro), che quindi non procederà a breve nonostante gli annunci, e la riduzione da 200.000 a 50.000 del fondo per l’abbattimento delle strutture abusive lungo il Baganza. Sul primo tema, è evidente la delusione (che si aggiunge all’ancora mancato utilizzo dell’ex ostello); sul secondo non ci pare un bel segnale alla città, visto il tema così importante e delicato (cfr. anche alluvione del 2014). Riconosciamo gli sforzi fatti finora, che hanno portato all’ auto-abbattimento di diverse strutture, ma non bisogna abbassare la guardia. Non essendo stato possibile sottoporre al voto, per ragioni tecniche, un emendamento che avevamo presentato su questo punto (in cui si portava a 100.000 euro l’importo), torneremo a insistere in sede di variazione di bilancio.

Sul piano più generale, dopo aver evidenziato che alcune opere sono state rinviate, e alla luce della polemica sulla pista ciclabile nel Parma che costerebbe 700.000 euro più le manutenzioni, ci siamo concentrati sulle fonti di finanziamento. In pratica è la solita querelle su quanto "stanzierebbe" il Comune per opere pubbliche. Purtroppo va usato il condizionale in senso dubitativo. In due mesi lo stanziamento passa da 70 a 75 milioni. I 5 milioni in più sono privati. Complessivamente dei 75 milioni, 34 sarebbero privati. Peccato che sia la stessa previsione dell'anno scorso. E che dei milioni privati stanziati l'anno scorso, non ne sia arrivato ancora uno. Pensiamo per esempio al Romanini Stuard in calendario da anni e alle opere di sostegno all'aeroporto. Alla discussione si sono aggiunti un paio di errori dell'assessore Alinovi sui numeri forniti, oltre a una figuraccia sul progetto di mercato coperto in piazzale San Bartolomeo (250.000 euro). Lavagetto ha chiesto notizie appositamente ma è risultato chiaro che nessuno ne sa niente o chi ne sa non ha voluto finora dire al Consiglio di cosa si tratta. Momento di imbarazzo nella maggioranza quando il presidente del consiglio Tassi Carboni ha dichiarato espressamente che non avrebbe votato la delibera qualora avesse contenuto una scelta sul piazzale. L'assessore Alinovi gli ha fatto notare che la ha già votata due mesi fa, in quanto lo stanziamento era già nel DUP, segno evidente di una certa confusione. Voto contrario.

Modifiche regolamento utilizzo immobili comunali -per la parte riguardante gli “orti sociali” (a cui seguirà successiva delibera attuativa).

Abbiamo votato a favore, perché si vanno a regolamentare iniziative belle e positive, che coinvolgono soprattutto persone anziane, ma in cui a volte, in effetti, c’è un po’ di confusione sul piano organizzativo. Abbiamo chiesto che il parametro di 50 aderenti per costituire un Comitato orti (introdotto per evitare frammentazioni non motivate) non sia così rigido nel caso gli associati siano meno numerosi ma seriamente motivati.

Variante urbanistica

Sul permesso di realizzazione di un piazzale-parcheggio nell’area di pertinenza della ditta La Doria, in  viale delle Esposizioni (zona fiera) ci siamo astenuti. Nel dibattito, abbiamo chiesto se, dopo i vari interventi urbanistici, sarà ancora fattibile il progetto del famoso “chilometro verde” lungo l’autostrada.


Bookmark and Share



SCRIVI UN COMMENTO [* campi obbligatori]
Nome *
Email
Titolo *
Messaggio *
Codice *
Scrivi il codice visualizzato in rosso



Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna



Agenda Appuntamenti
« Maggio 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
   1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il pulsante per procedere con l'iscrizione
Ricerca nel sito
»

regione emilia-romagna parlamentari pd primarie 2012 elezioni europee 2014 parlamentari pd parma citt? feste congresso 2013 salsomaggiore terme parlamentari pd di parma elezioni regionali 2014 citt├á gruppo pd comune di parma feste 2013 elezioni congresso primarie cittÓ gruppo
 Partito Democratico Unione Prov.le di Parma - Via Treves, 2 - 43122 Parma - Tel. 0521.709411 - Fax. 0521.709488  - Privacy Policy

Il sito web di PD Parma non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto