PD

Il portale del Partito Democratico
della città di Parma

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  Organismi dirigenti  |  Circoli  |  Eletti del PD  |  Link  |  Contatti  |  Trasparenza  |
Feed RSS 
  venerdi 23 agosto 2019 Partito Democratico Parma
| Elezioni politiche 2018 | Parlamentari PD di Parma | PD Comune di Parma | Regione Emilia-Romagna |
Decreto Crescita: dannoso per il credito alle imprese e per l'autonomia regionale. Calvano, Bagnari, Lori e Serri: “Noi siamo dalla parte delle piccole-medie imprese”

11 luglio 2019

Pubblicato in: Articoli PD Parma


“Mentre da una parte il Governo da oltre un anno non decide sulle richieste di autonomia regionale previste dall’art. 116 della Costituzione, dall’altra agisce addirittura togliendo quei pochissimi spazi di autonomia che le Regioni già hanno”. Così commentano il segretario e consigliere regionale PD Paolo Calvano e i consiglieri regionali PD Mirco Bagnari, Barbara Lori e Luciana Serri.

“Con il “decreto crescita” già convertito in legge, hanno infatti abolito la possibilità per le Regioni di intervenire in modo autonomo a sostegno del credito delle piccole imprese. – spiegano – Questo era possibile grazie alle deleghe Bassanini che permettevano alle regioni attraverso risorse proprie di sostenere l’accesso al credito per le piccole imprese, fino ad una cifra stabilita dalla Regione stessa, e attraverso il sistema dei Consorzi fidi. Possibilità questa sollecitata e presa in accordo con le associazioni di categoria. La nostra regione aveva infatti stanziato già con il bilancio del 2019 e con il triennale ben 10 milioni di euro provvedendo oltretutto a tutti gli atti necessari per poter procedere già nell’anno in corso. Altre regioni hanno fatto lo stesso percorso. Un percorso interrotto in modo unilaterale dal governo, che tra la necessità di sostenere l’accesso al credito delle piccole imprese e il risaputo parere contrario di banche e del fondo centrale di garanzia ha scelto queste ultime, senza alcun dubbio”.

I consiglieri la ritengono una scelta sbagliata e aggiungono: “nel merito perché è a svantaggio delle piccole imprese e lesivo di uno spazio di autonomia regionale, e nel metodo perché è mancato totalmente il confronto con le regioni. Per questo presenteremo una risoluzione in assemblea legislativa per chiedere il ripristino della “Lettera R” della Bassanini e che la giunta verifichi la possibilità di impugnare la legge per questa parte. Vediamo se lega nord e 5 stelle in assemblea regionale hanno voglia di dare una mano visto che a parole si dichiarano sempre dalla parte delle piccole-medie imprese”.


Bookmark and Share



SCRIVI UN COMMENTO [* campi obbligatori]
Nome *
Email
Titolo *
Messaggio *
Codice *
Scrivi il codice visualizzato in rosso



Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna



Agenda Appuntamenti
« Agosto 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31


Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il pulsante per procedere con l'iscrizione
Ricerca nel sito
»

citt? gruppo pd comune di parma parlamentari pd parma regione emilia-romagna parlamentari pd di parma primarie gruppo elezioni europee 2014 città feste pd elezioni primarie 2012 salsomaggiore terme congresso congresso 2013 città elezioni regionali 2014 feste 2013 parlamentari
 Partito Democratico Unione Prov.le di Parma - Via Treves, 2 - 43122 Parma - Tel. 0521.709411 - Fax. 0521.709488  - Privacy Policy

Il sito web di PD Parma non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto