PD

Il portale del Partito Democratico
della cittÓ di Parma

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  Organismi dirigenti  |  Circoli  |  Eletti del PD  |  Link  |  Contatti  |  Trasparenza  |
Feed RSS 
  venerdi 17 settembre 2021 Partito Democratico Parma
| Elezioni politiche 2018 | Parlamentari PD di Parma | PD Comune di Parma | Regione Emilia-Romagna |
Resoconti Consigli comunali del 31 maggio e 7 giugno 2021

17 giugno 2021

Pubblicato in: Gruppo PD Comune PR


Resoconto Consiglio comunale del 31 maggio 2021

Nostre interrogazioni

Lorenzo Lavagetto sul rientro a tempo parziale presso il Comune di Parma dell'ex comandante della Polizia Municipale, trasferitosi a Modena: il quale, dopo solo alcuni anni a Parma, ha fatto  domanda al comune di Modena dove è stato assunto con contratto a tempo determinato, rimanendo però in aspettativa presso il  Comune di Parma; su richiesta di questo, continua a operare anche a Parma un solo giorno alla settimana, col meccanismo del comando, che prevede il rimborso da parte del Comune di Parma al Comune di Modena per i giorni di servizio svolti qui. Per Bosi le normative sono state rispettate e questa presenza parziale serve al passaggio di consegne. Resta il fatto che ancora una volta si manifestano l’incertezza e i continui cambiamenti che ormai da anni caratterizzano i vertici  della polizia municipale.
 
Nostre comunicazioni
 
Caterina Bonetti sulla necessità di tenere alta l’attenzione in questo periodo sui rischi Covid; bene che si torni a uscire e a una vita più normale ma occorre continuare a seguire le regole e le raccomandazioni anti pandemia.
Sandro Campanini: abbiamo appreso dalla stampa della nomina del nuovo AD di Iren, Gianni Vittorio Armani. Auspichiamo che presto possa venire a Parma a illustrare i programmi di azione, vista la presenza di IREN nella nostra città e che il Comune è azionista della società.
 
Delibere
  • Addizionale comunale  all'imposta  sul  reddito  delle  persone  fisiche (IRPEF).   Modifica   della   soglia   di esenzione   per   l'anno   2021,   nel   quadro   dei provvedimenti  di  sostegno  connessi  all'emergenza  sanitaria  Covid-19.  Integrazione  al regolamento per l'applicazione dell'addizionale.
La soglia di esenzione passa per quest’anno  da 10.000 a 12.000. L'innalzamento della soglia era una misura che avevamo richiesto fin dalla prima mozione fatta per il bilancio 2017 e ribadito nel 2018 e anche nel 2020, essendo il  livello addizionale Irpef di Parma tra i più stringenti in Italia; altri comuni hanno soglie di esenzione più alte (es. Modena, Reggio, Milano). Avremmo preferito una misura definitiva e ancora più alta (15.000) per venire incontro alle fasce di popolazione più svantaggiate, ma il provvedimento va nella direzione giusta. Occorre inoltre portare avanti un’analisi costante nel tempo sui livelli di povertà per verificare se le misure assunte sino sufficienti o vanno ulteriormente implementate. Abbiamo votato a favore; la delibera è stata approvata all’unanimità.
  • Ulteriore modifica al Regolamento per l'applicazione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e di occupazione di aree e spazi destinati a mercati. Astenuti.
  • Adesione all’Associazione europea delle vie Francigene, che a nostra volta avevamo richiesto nel 2018 con una nostra mozione, approvata dal Consiglio. Voto favorevole (approvata all’unanimità).
  • Occupazione di  spazi  e  aree  pubbliche  per  l’esercizio  di  attività  commerciali  o artigianali.   Agevolazioni   sul   canone   unico   patrimoniale   dovuto   dai   titolari   di   concessione   o autorizzazione per l’anno 2021, in relazione all’emergenza Covid-19. Provvedimento condivisibile, ma occorre cercare di venire incontro ad alcuni esercenti che hanno segnalato difficoltà nell’uso degli spazi. Voto favorevole (approvata all’unanimità).
  • Piani Peep ed edilizia abitativa convenzionata/agevolata/sovvenzionata e/o residenziale pubblica in diritto di proprietà ed in diritto di superficie -Calcolo per la trasformazione del  diritto  di  superficie  in  piena  proprietà.  Criteri  per  il  recesso anticipato   dei   vincoli   contenuti   nelle   convenzioni   o   atti   unilaterali   d'obbligo -Recepimento del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 28/09/2020 n. 151. Voto favorevole (approvata all’unanimità)
Ci siamo astenuti su una variazione al bilancio e abbiamo votato contro a una seconda variazione con aggiornamento  del DUP (Documento unico di programmazione).
  
Resoconto Consiglio comunale del 7 giugno 2021
 
Nostre interrogazioni
 
Sandro Campanini  sul nuovo edificio residenziale che sta sorgendo in via Lisoni, angolo via Casa Bianca, nel quartiere Lubiana, al  posto di una ex fabbrica di  prodotti dolciari, in demolizione.  Il consigliere chiedeva quanti appartamenti verranno costruiti, l’altezza dell’edificio, se ci saranno aree verdi, risparmio energetico e attenzione nella fase di cantiere, tenendo conto che vicino ci sono il plesso scolastico di via Newton e piazza Lubiana col suo mercato settimanale. L’assessore Alinovi ha risposto che verranno realizzati 29  appartamenti di varie metrature, alcuni dei quali ad edilizia convenzionata, che l’altezza massima sarà di 14 metri, che non tutta l’area sarà occupata dall’edificio ed è previsto un valido risparmio energetico.
 Nostre comunicazioni
Campanini sulla recente apertura della Casa della Pace, presso i Saveriani, a cui aderiscono molte associazioni locali. Una realtà con cui sarà opportuno collaborare anche a livello comunale.
Delibere
In questo Consiglio erano all’ordine del giorno le due delibere inerenti il nuovo Piano di rischio aeroportuale (cioè: “Aggiornamento  del  piano  di  rischio  aeroportuale di cui all'art. 707 comma 5 del codice della navigazione e ss.mm.ii” e “Contestuale   adozione   di   variante   al Regolamento  urbanistico  edilizio  (Rue)  e  al  Piano  operativo comunale (Poc) in adeguamento al piano di rischio aeroportuale  dell'aeroporto  Giuseppe  Verdi  di  Parma  (art.  4 comma 4 l.r. 24/2017 ss.mm e artt. 33 e 34 l.r. 20/2000 ss.mm)”,  in cui in particolare si introduce la fascia D di rispetto, il che va a incidere sulla realizzazione del “mall” a  fianco. Un provvedimento che avrebbe dovuto essere adottato già da diversi anni, visto che quello approvato dal commissario Ciclosi nel 2012 già preannunciava la necessità di una modifica, in ragione delle nuove norme ENAC. Un atto quindi atteso, che riguarda l’attuale aeroporto, ma che presenta una serie di serie incognite e punti non chiari, fino a porre dubbi di legittimità. 
La discussione è stata lunga e articolata e c’è anche stata una sospensione della seduta con riunione dei capigruppo con i tecnici e il sindaco per avere ulteriori delucidazioni, che però non hanno dato particolari esiti.
Abbiamo chiesto di rinviare la delibera per un maggiore approfondimento e valutare con ulteriori elementi tutti gli aspetti controversi, ma la proposta non è stata accolta.
I maggiori punti critici sono:
-         Viene introdotta espressamente una disciplina modificativa sull’ edificazione sull’area PUD (Parma Urban District, cioè il “Mall”) , a cui si rimodula il 15 per cento di volume e quindi si incide sul diritto soggettivo maturato in condizioni di preesistente legittimità. Ma se è un piano ai sensi del 707 codice navigazione dovrebbe contenere la zonizzazione e relativa normativa generale, non specifici precetti direttamente incidenti sulle posizioni  già acquisite. Siccome il procedimento incide direttamente sui diritti soggettivi acquisiti da PUD, esso dovrebbe essere comunque quello ordinario di adozione, osservazioni e approvazione. Di fatto è una variante in sé, non è una integrazione del piano.
-         La delibera afferma esplicitamente che non si è trovato un accordo consensuale con PUD  in relazione alla prevista rimodulazione dei volumi e diminuzione del carico antropico. Ciò significa che PUD potrebbe ricorrere e chiedere i danni.
-         Non sono stati esplicitati i  criteri scelti per giungere alla  riduzione del 15% dei volumi e della rimodulazione del carico antropico.
In queste condizioni, non si poteva che votare in modo contrario; stesso voto da parte di tutti gli altri gruppi di minoranza, salvo l’astensione di Parma Unita.


TAGS:
gruppo pd comune di parma | 

Bookmark and Share



SCRIVI UN COMMENTO [* campi obbligatori]
Nome *
Email
Titolo *
Messaggio *
Codice *
Scrivi il codice visualizzato in rosso



Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna



Agenda Appuntamenti
« Settembre 2021 »
DoLu MaMe GiVe Sa
   1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30


Inserisci il tuo indirizzo email nel campo sottostante e clicca il pulsante per procedere con l'iscrizione
Ricerca nel sito
»

pd salsomaggiore terme gruppo citt├á cittÓ primarie feste parlamentari pd parma parlamentari pd di parma elezioni congresso 2013 feste 2013 citt? primarie 2012 regione emilia-romagna congresso elezioni regionali 2014 gruppo pd comune di parma parlamentari elezioni europee 2014
 Partito Democratico Unione Prov.le di Parma - Via Treves, 2 - 43122 Parma - Tel. 0521.709411 - Fax. 0521.709488  - Privacy Policy

Il sito web di PD Parma non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto